Giulianova – Si è tenuta lunedì scorso, nel Grand Hotel Don Juan, una serata di beneficienza organizzata dall’Atsc (Agenti Teramo Senza Confini) contro lo sfruttamento sessuale delle donne.

Si è dato così corso ad un impegno preso dall’associazione con la onlus Gabriele Allegra e padre Loris, che ogni giorno, a Palermo, insieme ad un gruppo di volontari, si spende per combattere la piaga della povertà.

La cena è stata anche l’occasione per festeggiare l’avvio del terzo anno del corso di laurea in Scienze della Comunicazione – Intermediazione commerciale attivato presso l’Università di Teramo.

Oltre 200 agenti di commercio iscritti hanno contribuito alla causa di beneficienza e condiviso la soddisfazione per il nuovo anno accademico con il rettore Luciano D’Amico, il presidente dell’Enasarco Brunetto Boco ed il presidente dell’Atsc Franco Damiani. Ha animato il convivio, con la sua voce, la giovane Gaia Di Giuseppe, reduce dai successi di “Ti lascio una canzone”.

«In occasione degli appelli – ha spiegato Franco Damiani – insieme ai colleghi del gruppo ATSC provenienti da tutta Italia ci siamo ritrovati dopo gli esami per festeggiare l’avvio del terzo anno del progetto realizzato con l’Università degli Studi di Teramo.

Questa sera abbiamo voluto condividere il percorso formativo che stiamo seguendo con tenacia, ma anche e soprattutto i valori che ispirano la nostra associazione, fortemente inserita nel contesto sociale in cui si muove.

Per questo abbiamo deciso di sostenere l’impegno di Padre Loris contro lo sfruttamento sessuale delle donne, trasformando questo incontro in una occasione per raccogliere fondi da destinare alle sue caritatevoli attività».

Condividi questo articolo sulla tua piattaforma preferita!

Articoli recenti

Archivi