My Dear Friends,

in occasione della conferenza di organizzazione della UILTuCS Agenti Senza Confini, tenutasi a Bari nelle giornate di 16-17-18 marzo 2017, è stata presentata un’analisi sulle caratteristiche anagrafiche degli Agenti e Rappresentanti di commercio. I risultati hanno evidenziato un gap generazionale preoccupante che caratterizza la nostra professione; la fascia maggiormente critica riguarda i giovani in età compresa tra i 15 e i 24 anni, che costituiscono soltanto l’1% del totale della categoria. Leggermente meglio la classe 24-34 anni, che tocca una percentuale pari al 10,6.

Le cause principali di questa problematica sono riconducibili in primis alla scarsa informazione e alla mancanza di una conoscenza reale sul mondo degli Agenti e dei Rappresentanti legata, peraltro, ad una percezione stereotipata della categoria, che individua questa figura lavorativa nei soli venditori porta a porta.

In quest’opera di eccessiva semplificazione, un ruolo principe è esercitato anche dai mezzi di comunicazione, che non di rado ci definiscono come semplici “venditori” ignorando, al contrario, che le aziende ricercano sempre più personale qualificato e professionalizzato.

In considerazione di questa importante tematica, la Nostra Associazione si è fatta carico di sensibilizzare la Fondazione Enasarco che, in occasione del Consiglio di Amministrazione tenutosi in data 22/03/2017 , ha deliberato la modifica del regolamento istituzionale, adottando una linea volta a stimolare l’interesse e soprattutto la permanenza dei giovani agenti nel settore; è stato, infatti, disposto un regime contributivo agevolato per gli agenti, con una età inferiore o uguale a trent’anni, che si iscriveranno alla Fondazione nel triennio 2018-2020. Le agevolazioni riguardano una riduzione, per ciascuno dei tre anni, del minimale contributivo annuo e dell’aliquota contributiva.

Siamo orgogliosi di aver ottenuto questo incentivo di grande rilevanza, che evidenzia la volontà nostra e della Fondazione Enasarco di avvicinare i giovani alla professione, fornendo loro uno strumento concreto e un primo vero grande passo per colmare questo differenziale.

…con ATSC non si è mai soli!!!

Abbiate gioia!!!

Il Presidente
Dott. Franco Damiani

 

Condividi questo articolo sulla tua piattaforma preferita!

Articoli recenti

Archivi