Carissimi,

desidero informarVi che il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell’8 marzo 2020 ha introdotto il divieto di entrata e di uscita nella Regione Lombardia, nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria, salvo la dimostrazione di «comprovate esigenze lavorative, necessità o motivi di salute».

La disposizione lascia perplessi su una questione non indifferente: come fare per “comprovare” le esigenze lavorative? Per i lavoratori dipendenti basterebbe una dichiarazione del datore di lavoro o dell’azienda, ma quali sarebbero gli adempimenti a carico dei lavoratori autonomi?

In proposito, è intervenuto il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che ha adottato una direttiva per l’attuazione dei controlli nelle “aree a contenimento rafforzato”, volta a fornire i primi chiarimenti e le prime indicazioni: posto che l’onere di dimostrare la fondatezza delle suddette situazioni è a carico dell’interessato, tale onere «potrà essere assolto producendo un’autodichiarazione ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, che potrà essere resa anche in seduta stante attraverso la compilazione dei moduli appositamente predisposti in dotazione agli operatori delle Forze di polizia e della Forza pubblica». Invero, il controllo sulla veridicità dell’autodichiarazione potrà essere effettuato anche in un momento successivo.

Di seguito vi riportiamo il fac-simile messo a disposizione sul sito internet del ministero dell’interno
 

CLICCA QUI PER SCARICARE IL FAC-SIMILE DI AUTODICHIARAZIONE DEL MINISTERO

ccorre precisare che il mancato rispetto di questi obblighi comporta l'arresto fino a tre mesi o l'ammenda fino a duecento sei euro (ex art. 650 c. p. per l’inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità).

I controlli delle autorità competenti saranno così articolati:

  1. Sulla rete autostradale e per la viabilità principale ordinaria, la polizia stradale, l’arma dei carabinieri verificheranno le autodichiarazioni;
     
  2. Negli aeroporti della regione Lombardia e delle province indicate dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell’8 marzo ai passeggeri in partenza e in arrivo verranno controllati il possesso del titolo di viaggio e dell’autocertificazione. Restano esclusi i passeggeri in transito. La direttiva precisa anche che «per i voli Schengen ed extra Schengen in partenza le autocertificazioni saranno richieste unicamente per i residenti o domiciliati nei territori soggetti a limitazioni. Nei voli Schengen ed extra Schengen in arrivo, i passeggeri dovranno motivare lo scopo del viaggio all’atto dell’ingresso»;
     
  3. Per il trasporto ferroviario, la polizia ferroviaria acquisirà le autocertificazioni dai passeggeri e provvederà all’incanalamento dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni per verificarne lo stato di salute;
     
  4. Il controllo sulle autodichiarazioni verrà applicato anche a Venezia per i passeggeri delle navi da crociera in transito per rientrare nei luoghi o paesi di provenienza.

ATSC è vicina alla categoria e fornisce tempestivamente soluzioni per i professionisti che in questo momento sono in forte difficoltà.

Nella speranza che tutto torni rapidamente alla normalità, il mio pensiero è rivolto a voi e alle vostre famiglie

Soli siamo sabbia, insieme siamo roccia.

 

 …con ATSC non si è mai soli!!!

 

Dott. Franco Damiani
Presidente ATSC
Delegato Assemblea Enasarco

 

 

Fonti: direttiva del ministro dell’Interno dell’8 marzo 2020, Allegato denominato “Il modulo per l’autodichiarazione degli spostamenti” (sito internet del Ministero dell’Interno)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi questo articolo sulla tua piattaforma preferita!

Articoli recenti

Carissimi,

desidero informarVi che il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell’8 marzo 2020 ha introdotto il divieto di entrata e di uscita nella Regione Lombardia, nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria, salvo la dimostrazione di «comprovate esigenze lavorative, necessità o motivi di salute».

La disposizione lascia perplessi su una questione non indifferente: come fare per “comprovare” le esigenze lavorative? Per i lavoratori dipendenti basterebbe una dichiarazione del datore di lavoro o dell’azienda, ma quali sarebbero gli adempimenti a carico dei lavoratori autonomi?

In proposito, è intervenuto il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che ha adottato una direttiva per l’attuazione dei controlli nelle “aree a contenimento rafforzato”, volta a fornire i primi chiarimenti e le prime indicazioni: posto che l’onere di dimostrare la fondatezza delle suddette situazioni è a carico dell’interessato, tale onere «potrà essere assolto producendo un’autodichiarazione ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, che potrà essere resa anche in seduta stante attraverso la compilazione dei moduli appositamente predisposti in dotazione agli operatori delle Forze di polizia e della Forza pubblica». Invero, il controllo sulla veridicità dell’autodichiarazione potrà essere effettuato anche in un momento successivo.

Di seguito vi riportiamo il fac-simile messo a disposizione sul sito internet del ministero dell’interno
 

CLICCA QUI PER SCARICARE IL FAC-SIMILE DI AUTODICHIARAZIONE DEL MINISTERO

ccorre precisare che il mancato rispetto di questi obblighi comporta l'arresto fino a tre mesi o l'ammenda fino a duecento sei euro (ex art. 650 c. p. per l’inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità).

I controlli delle autorità competenti saranno così articolati:

  1. Sulla rete autostradale e per la viabilità principale ordinaria, la polizia stradale, l’arma dei carabinieri verificheranno le autodichiarazioni;
     
  2. Negli aeroporti della regione Lombardia e delle province indicate dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell’8 marzo ai passeggeri in partenza e in arrivo verranno controllati il possesso del titolo di viaggio e dell’autocertificazione. Restano esclusi i passeggeri in transito. La direttiva precisa anche che «per i voli Schengen ed extra Schengen in partenza le autocertificazioni saranno richieste unicamente per i residenti o domiciliati nei territori soggetti a limitazioni. Nei voli Schengen ed extra Schengen in arrivo, i passeggeri dovranno motivare lo scopo del viaggio all’atto dell’ingresso»;
     
  3. Per il trasporto ferroviario, la polizia ferroviaria acquisirà le autocertificazioni dai passeggeri e provvederà all’incanalamento dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni per verificarne lo stato di salute;
     
  4. Il controllo sulle autodichiarazioni verrà applicato anche a Venezia per i passeggeri delle navi da crociera in transito per rientrare nei luoghi o paesi di provenienza.

ATSC è vicina alla categoria e fornisce tempestivamente soluzioni per i professionisti che in questo momento sono in forte difficoltà.

Nella speranza che tutto torni rapidamente alla normalità, il mio pensiero è rivolto a voi e alle vostre famiglie

Soli siamo sabbia, insieme siamo roccia.

 

 …con ATSC non si è mai soli!!!

 

Dott. Franco Damiani
Presidente ATSC
Delegato Assemblea Enasarco

 

 

Fonti: direttiva del ministro dell’Interno dell’8 marzo 2020, Allegato denominato “Il modulo per l’autodichiarazione degli spostamenti” (sito internet del Ministero dell’Interno)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi questo articolo sulla tua piattaforma preferita!

Articoli recenti