In un anno raddoppiati gli iscritti al corso organizzato dalla facoltà di Scienze della comunicazione. Ieri l`inaugurazione

Boom di iscritti al corso di laurea per agenti di commercio al via oggi all`università di Teramo. Oltre cento gli allievi provenienti da tutta Italia – il 70% arriva da fuori Abruzzo – che prenderanno parte alla seconda edizione del percorso triennale per la riqualificazione e l`alta formazione professionale promosso dall`associazione degli agenti di commercio di Teramo “Senza Confini” in collaborazione con l`ateneo teramano.

L`anno scorso gli iscritti alla prima edizione erano stati in tutto 52: in appena 12 mesi sono raddoppiati.

Un lavoro, quello dell`agente di commercio, che sembra quindi aumentare il suo appeal anche in tempi di crisi e che attrae sempre più giovani e meno giovani alla ricerca di un futuro occupazionale. Sono circa 1.800 gli agenti di commercio in provincia di Teramo, 8.000 in tutta la regione.

«E` una professione che sa capitalizzare il cambiamento ed è in costante aggiornamento grazie ai nuovi strumenti del marketing e della comunicazione on line», ha spiegato il presidente di “Senza Confini” Franca Damiani durante il convegno di presentazione del corso di laurea che si è svolto al campus universitario, incentrato sugli “ingredienti fondamentali per il futuro dell`agente di commercio”.

Il percorso formativo è attivato nell`ambito della facoltà di Scienze della comunicazione.

Rispetto agli insegnamenti della laurea in Comunicazione, prevede anche lezioni di marketing, tecniche di vendita e diritto commerciale. Il corso si articola in 180 crediti, 60 per ciascun anno, e 15 esami complessivi.

La Camera di Commercio, con una delibera di qualche giorno fa, ha inoltre riconosciuto la validità del corso per l`accesso alla professione di agente di commercio (in precedenza era necessario un titolo di studio in materie commerciali o la frequentazione di un corso regionale).

«Il ruolo di questa professione», ha ricordato ieri il rettore Luciano D`Amico alla presentazione del corso, «oggi più che mai è quello di intercettare le esigenze dei consumatori e metterle in relazione con le potenzialità di chi produce.

E il risultato di questo lavoro non dev’essere solo economico ma anche di sviluppo socia¬le e culturale». A portare i saluti agli iscritti corso di laurea, il vescovo di Teramo-Atri Michele Seccia, il presidente della Banca dell`Adriatico Giandomenico Di Sante e il preside di Scienze della comunicazione Stefano Traini.

Presenti, tra gli altri, anche il vicepresidente del consiglio regionale Paolo Gatti, il deputato teramano Giulio Sottanelli e l`assessore comunale Marco Tancredi.

Durante il convegno sono stati illustrati due progetti: la partnership con il gruppo “Opportunità agenti” sul social network Linkedin (tra i primi 10 in Italia con 25mila iscritti), e l`app “Sellf”, l`applicazione per smartphone ideata proprio dall`associazione teramana “Senza confini” in collaborazione con l`incubatore di imprese H-Farm e pensata per semplificare la vita lavorativa di tutti gli agenti di commercio

Fonte : IL CENTRO del 23 settembre 2014

Condividi questo articolo sulla tua piattaforma preferita!

Articoli recenti

Archivi