CLICCA QUI PER SCARICARE IL VIDEO INTEGRALE

Buon pomeriggio a tutti voi

Come sempre alla fine di un percorso salgono i ricordi, tornano i momenti entusiasmanti, si rammenta tutta la fatica fatta, si ricordano le serate e le domeniche passate sui libri, ritornano i visi dei tanti colleghi che nel tempo sono diventati amici, tornano le paure prima di un esame e la gioia dopo un bel voto, e non ultimo quel senso di vuoto che la fine di una esperienza così forte inevitabilmente ti lascia.

Il mio percorso somiglia a quello di tanti tra noi, gli studi iniziati e purtroppo interrotti, il lavoro che devi iniziare in modo precipitoso e poi ti assorbe completamente, una carriera che per fortuna prende la strada giusta, la nascita della propria famiglia.

In fondo tutti i motivi per essere contenti del proprio percorso, eppure dentro rimane quella sensazione che qualcosa manca, che forse la formazione non è completa, che forse non è così impossibile provare a finire un vecchio percorso.

Permettemi un ringraziamento speciale al nostro Emerito Rettore, il Professor Luciano D’Amico, al quale, ormai qualche anno fa ho accennato al mai sopito desiderio di completare il mio percorso di studi, che mi ha spronato a farlo e grazie al quale ho scoperto l’ATSC e quelle meravigliose persone che la animano.

Mi sono avvicinato a loro in modo timido, sono stato subito accolto con calore, o come dice Franco Damiani con gioia, nonostante io venga da attività diverse da quelle tipiche degli Agenti di Commercio o dei Promotori Finanziari, sebbene molto affini al nostro percorso di studi.

Per me, e credo anche per tutti Voi è stata una grande emozione rientrare in facoltà, sedersi di nuovo nei banchi tra i colleghi, ascoltare una lezione, scegliere di riprendere gli studi con quella voglia e quella determinazione che nasce da una scelta matura, volontaria e pienamente consapevole.

In questa occasione voglio esprimere la più profonda gratitudine all’ATSC, a Franco Damiani, a Federica ed allo staff tutto, per l’impegno profuso, per la pazienza, per gli aiuti e le parole di sprono ed incoraggiamento, in alcuni momenti davvero preziose se non indispensabili.

E parimenti la mia gratitudine va all’Università di Teramo, al nostro Magnifico Rettore, al nostro Preside ed ai professori, nessuno escluso, che pur nel rispetto dei ruoli sono diventati anche amici, confidenti, quasi compagni di corso. Tra di loro ho scoperto delle grandi persone, dotate certo di una grande preparazione, ma anche di una profonda umanità. Mi ha davvero colpito il fatto che ognuno di loro è stato pronto a mettersi in gioco con noi, sono stati sempre disponibili ad ascoltare i nostri pensieri e le nostre esperienze, e, scusate la presunzione, pronti a crescere insieme a noi.

E questo il più grande insegnamento ricevuto, lo spirito vero di quella formazione continua che esula dal solo nozionismo, dove conoscere diventa una necessità che ti cambia, che ti fa crescere e ti fa capire che nessuna esperienza fatta fino ad ora è sufficiente e che grazie al confronto ed alla formazione trovi sempre un miglioramento sia professionale che personale.  

E quanto merito va dato a questo parternariato tra ATSC e UNITE che ha fatto nascere questo progetto, davvero unico e grazie al quale si crea un gruppo dove ognuno porta esperienze, che fa nascere uno spirito di squadra dove ognuno stimola l’altro, ed è questo che spinge e convince ognuno di noi a perdere ore di sonno e di svago, che ci fa rimanere tutti insieme e arrivare a meta.

Mi sono chiesto spesso se, senza questo sarei arrivato a questo risultato e sinceramente non credo ne avrei avuto la forza.

Alla presentazione della laurea Magistrale mi hanno colpito le parole di stupore di Franco Damiani sul numero di persone interessate a continuare un percorso di formazione, dopo anni di impegno.

Se mi avessero detto che, dopo anni di impegno avrei avuto la voglia, se non la necessità di proseguire un percorso formativo, io stesso non lo avrei creduto.

Caro Franco quante volte mi hai detto abbi gioia e io oggi ne ho davvero tanta, ma in contemporanea sento anche un po’ di tristezza, mi manca l’emozione della lezione, mi mancano i professori ed i colleghi.

Per fortuna c’è il corso di Laurea Magistrale……

Di nuovo grazie a tutti Voi per questi anni meravigliosi passati insieme, per l’arricchimento ricevuto, per tutte le emozioni condivise, davvero siete tutti delle persone speciali.

 

Condividi questo articolo sulla tua piattaforma preferita!

Articoli recenti

Archivi